Planogrammi: benefit per retailer e produttori

Software planogrammiI servizi di planogrammazione, che rientrano appieno nell’ambito della nozione di Category Management, sono “armi” delle quali retailers e produttori non possono fare a meno in ragione di un contesto competitivo sempre più prospero di soluzioni innovative necessarie per ottenere vantaggi in termini di redditività.
 

La resa di un prodotto nella grande distribuzione

Nella distribuzione al dettaglio la posizione di un prodotto sullo scaffale ne influenza la resa. Retailers e produttori sono ormai consci dell’importanza di gestire ogni categoria come unità strategica di business, adottando efficaci strategie di Category Management.
In questo scenario si inseriscono i sistemi di planogrammazione, strumenti che consentono di ottimizzare la gestione dello spazio sulla base dell’assortimento a disposizione, semplificando il processo di acquisto del consumatore, al fine di incrementare i profitti di retailers e produttori.

 

A cosa serve un planogramma

Un planogramma è la rappresentazione virtuale della disposizione e del numero di referenze di uno scaffale all’interno di una corsia di un punto vendita e consente allo shopper, impegnato nell’acquisto del prodotto, una lettura maggiormente intuitiva dello scaffale. Per entrambi, distributori e produttori, è importante predisporre un assortimento che sia specchio delle necessità del consumatore per garantirgli di trovare facilmente ciò di cui ha bisogno all’interno del punto vendita, evitando che cada in turbinanti “sensazioni di smarrimento”. Un planogramma risulta quindi funzionale sia dal lato della domanda, per gli shopper che richiedono facilità di reperimento di prodotti a scaffale, che dal lato dell’offerta, per gli operatori del settore i quali, organizzando meglio gli spazi espositivi, riescono ad ottenere un considerevole aumento dei ricavi.

 

Funzionalità di un software di planogrammazione

L’utilizzo di un software di planogrammazione permette la riproduzione a display di ogni logica inerente il micro merchandising.
Condizione indispensabile per l’elaborazione di un planogramma consiste nel disporre di un software che consenta: l’ottimizzare della gestione dello spazio a scaffale; la segmentazione dei prodotti in assortimento al fine di rendere facilmente applicabili le indicazioni fornite dall’albero decisionale strutturato per ogni categoria merceologica; l’evidenziazione di possibili condizioni di sovra/sotto stockaggio; la creazione o modifica delle referenze presenti sul mercato di riferimento rispecchiandone dimensioni e immagini reali; l’individuazione di referenze più performanti e la replica fedele in ogni specificità della struttura dello scaffale. Per la realizzazione di un planogramma, è necessario godere di un pacchetto di skills comprendente sia la conoscenza del software sia quella della categoria oggetto del planogramma. Il mercato offre soluzioni di vario genere per lo sviluppo dei planogrammi, alcune gratuite ma fortemente limitate nelle funzionalità e altre prodotte da aziende leader del settore com IRI, JDA e Nielsen che, per la commercializzazione in Italia, si avvalgono della collaborazione di agenzie specializzate nell’analisi e dell’ottimizzazione dei processi di Category.

 

foto articolo athena

 

JDA Space Planning

JDA Space Planning permette a retailers e produttori l’elaborazione virtuale di qualsivoglia proposta di planogramma, in base a logiche legate ai processi di Space & Category Management. Gestire simili aspetti attraverso un software consente di tradurre in via diretta le logiche teoriche dettate per ogni categoria merceologica nella vera e propria configurazione reale dello scaffale, contemplando tutti i vincoli strutturali specifici per pdv. E’ possibile, infatti, ricostruire strutture di diverso tipo, composte da soli ripiani oppure da file di ganci, tavole forate o cesti.

Mediante una chiave primaria (nella quasi totalità dei casi corrispondente al codice EAN di ogni SKU), è possibile predisporre l’anagrafica del prodotto per ogni referenza, all’interno della quale è possibile inserire le dimensioni espresse in larghezza, altezza e profondità, il numero di pezzi e la quantità ottimale di pezzi per cartone, il brand e il produttore di ogni singolo prodotto in assortimento. A queste informazioni è possibile aggiungere la categoria e la sottocategoria merceologica e ulteriori specifiche inseribili nei numerosi campi descrittivi presenti. Si tratta, dunque, di informazioni sulla referenze sia di natura qualitativa sia di natura quantitativa, generalmente fornite dal produttore e indispensabili per l’elaborazione di una proposta efficace.

Così, attraverso la produzione di un planogramma master, facilmente personalizzabile in base alle caratteristiche di ciascun pdv, i distributori possono gestire al meglio le referenze presenti negli assortimenti dei diversi canali dei loro store, mentre i produttori possono sfruttare Space Planning per analizzare quale potrebbe essere il miglior posizionamento possibile per le SKU del proprio brand, al fine di catturare eventuali acquisti d’impulso.

Rispetto alle altre soluzioni presenti sul mercato, il software di JDA offre il servizio di multiplanogrammazione, che permette di gestire più planogrammi all’interno dello stesso progetto. Ciò consente una più rapida ed efficiente gestione dell’anagrafica dei prodotti, del caricamento dei dati di venduto, dell’inserimento di informazioni utili nei campi descrittivi. Infatti, attraverso una sola operazione, è possibile apportare le modifiche del caso evitando, come necessario per gli altri software, di ripetere la stessa azione per ogni planogramma. Considerato che in tutti i planogrammi le informazioni si ripetono, questa funzionalità di Space Planning risulta quasi indispensabile per l’elaborazione di planogrammi di cluster per i vari canali dell’insegna. Tra le sue numerose funzionalità, vi è un sistema di reportistica che consente la comparazione di tabelle di diversa natura sia per più planogrammi, sia per più progetti, al fine di evidenziare al meglio dati utili quali le share a scaffale dei vari brand o il peso dei sotto-segmenti all’interno di ogni planogramma rispetto al totale della categoria merceologica.

L’adozione della soluzione di JDA risulta vincente sia per i retailers sia per tutte le categorie di produttori, compresi i piccoli e i medi, interessati a applicare le logiche del micro merchandising alle vendite o desiderosi di analizzare preventivamente l’effetto, in termini di share a scaffale, che produrrebbe un cambio delle dimensioni del packaging di una particolare referenza.

 

Conclusioni

I servizi di planogrammazione rappresentano, dunque, uno strumento del quale un’azienda, impegnata in processi di Category Management, non può fare a meno. La maggiore rapidità ed efficienza nei processi di micro merchandising, garantita da tali servizi, costituisce un fattore competitivo dalla grande valenza. I benefit dell’adozione di un sistema di planogrammazione, pertanto, sono molteplici e privarsene non rimanendo al passo con l’innovazione o faticando a comprendere i cambiamenti di scenario del settore, potrebbe causare un gap difficilmente colmabile tra le aziende leader, proattive rispetto ai nuovi input forniti dall’ambiente mercato, e le aziende inseguitrici.

Torna alla lista degli articoli pubblicati >